L’app Studium Unict disponibile sull’App Store per i dispositivi Apple

“Studium Unict” sbarca anche sui dispositivi Apple. Tra qualche giorno, infatti, sarà disponibile sull’App Store grazie a Simone Scionti e Francesco Petrosino, studenti del corso di laurea in Informatica dell’Università di Catania.

L’app, già disponibile da tempo sui dispositivi Android, nasce con lo scopo di semplificare la comunicazione tra docenti e studenti con la possibilità di accedere documenti utili allo studio e avvisi per i diversi corsi di laurea.

Tra le funzionalità anche l’accesso al Portale Studenti dell’Università di Catania per le informazioni relative alla propria carriera universitaria, le prenotazione agli esami e anche per le iscrizioni ad un corso di laurea e conoscerne i relativi contenuti tra vetrine e descrizioni previste dai docenti. È possibile, inoltre, navigare tra i siti online dei dipartimenti d’Ateneo e condividere documenti di un qualsiasi corso tramite social network esterni, email, AirDrop oppure salvarli su iCloud Drive. E ancora è possibile inviare email ai docenti, visualizzare i propri dati universitari (matricola, email accademica e anche aggiornare la foto del proprio profilo) e visualizzare e salvare documenti di più corsi di laurea.

Un processo di sviluppo dell’app supportato da Angelo Pappalardo dell’Area Sistemi Informativi dell’Ateneo e dal prof. Filippo Stanco, presidente del corso di laurea in Informatica e delegato del rettore per le Innovazioni tecnologiche per l’informazione e la comunicazione.

Per lo studente Simone Scionti, inoltre, l’app sarà anche l’oggetto della tesi di laurea di I livello dal titolo “L’App Studium per IOS. Un supporto interattivo per la didattica”.

«Lo sviluppo del progetto è nato per lo studio di una materia del mio corso di laurea e grazie al prof. Filippo Stanco sono entrato in contatto con l’Area Sistemi Informativi per occuparmi dello sviluppo di Studium per iPhone –  spiega Simone Scionti -. Da quel momento, grazie anche alla disponibilità del dott. Angelo Pappalardo dell’Area Sistemi Informativi, ho definito il progetto ed ho deciso di coinvolgere il mio collega Francesco Petrosino. Non è stato facile conciliare lo studio con lo sviluppo dell’app, sicuramente la scelta della mobilità Erasmus è stata cruciale in quanto avendo avuto a disposizione più tempo libero mi sono dedicato maggiormente al progetto».

«Siamo molto entusiasti di esserci resi utili per la nostra Università e visto che dovremo conseguire ancora la laurea magistrale ci auguriamo di avere ancora altre opportunità di collaborazione in futuro» conclude Simone Scionti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *