“E per coltre… il mare addosso” al Castello Ursino

Il secondo spettacolo organizzato dall’Associazione Culturale “Terre Forti” nell’ambito del Catania Summer Fest sarà messo nella Corte Castello Ursino venerdì 25 settembre 2020 alle ore 21 dal titolo significativo: “E per coltre… il mare addosso”, con Letizia Tatiana Di Mauro, Alfio Guzzetta e Orazio Patanè. Infine con Ferdinando che si esibirà alle percussioni e Gregorio Lui, invece, si produrrà alla chitarra e sarà la voce. Lo spettacolo tratterà il tema scottante e drammatico della migrazione, dell’approdo incerto, della fuga verso un futuro migliore, della speranza di un domani diverso di un’umanità disperata, derelitta e indifesa. Ecco un passo dell’esibizione “Chiamatemi Ali” dice a chi gli chiede il nome. Ha deciso di chiamarsi così un mese fa quando lui che pensava di aver già visto e vissuto tutto quello che si poteva vivere e vedere, si è dovuto ricredere. Ha solo sedici anni Alì ma sa benissimo che cosa siano la fame, la disperazione, la paura, il ghiaccio nelle ossa e il sole del deserto che brucia la pelle. Un mese fa ha imparato anche che cosa voglia dire veder annegare l’unico amico rimasto, ucciso dai trafficanti mentre tentavano di arrivare sulle coste italiane. Da quel momento si chiama Ali, come il giovane, suo coetaneo, spinto dai trafficanti in fondo al mare. Per ricordarci di quando eravamo noi a cercare “la vita” altrove, attraversando il mediterraneo verso la Tunisia o l’oceano verso l’America o il Belgio o la Germania.
L’ingresso gratuito esclusivamente su prenotazione sino ad esaurimento posti.