Coronavirus, vertice a Catania

Il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, nella sua qualità di massima autorità sanitaria cittadina ha presieduto un vertici con i manager delle tre aziende ospedaliere cittadine e dell’Asp, alla presenza dell’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza. Durante l’incontro sono stati affrontati temi legati al funzionamento delle strutture sanitarie cittadine per contrastare il contagio del Covid-19 e fatto il punto sui casi registrati per valutare, sulla scorta delle indicazioni nazionali le misure, più idonee a fronteggiare la crisi.
Il sindaco Pogliese ha ringraziato l’assessore Razza per la sensibilità e l’impegno del governo regionale a sostenere tutte gli interventi per mitigare il fenomeno del contagio e intervenire al meglio per i casi registrati a Catania e in Sicilia: “E’ giusto lanciare un messaggio di serenità dopo avere fatto il punto della situazione con l’assessore Ruggero Razza, i manager delle strutture sanitarie. Tutte le istituzioni stanno facendo il proprio dovere in maniera assolutamente efficiente. Il sistema sanitario della nostra provincia è di eccezionale valore. C’è una grande sinergia ed è giusto rassicurare i cittadini. Stiamo monitorando, come è giusto fare, la situazione – ha aggiunto – e siamo in attesa di approfondire i contenuti del Decreto del presidente del consiglio dei ministri per le determinazioni conseguenziali che ognuno di noi farà. Trovo importante – ha concluso Pogliese – che tutto il sistema sia stato centralizzato nelle indicazioni statali in modo che non ci siano sbavature di sorta”.
“In tutta la Sicilia – ha ribadito dal canto suo l’assessore regionale Razza – nelle strutture sanitarie si applicano le linee guida previste dal ministero della Salute e dall’Istituto superiore di sanità. In una fase così seria, come quella che stiamo affrontando, dobbiamo trasmettere dei messaggi che devono essere il più aderenti al vero e chiari. Ecco perché – ha osservato – con il sindaco Salvo Pogliese abbiamo voluto incontrare i direttori generali della aziende ospedaliere di Catania per anzitutto ai cittadini di Catania e della provincia la serena consapevolezza che il sistema sanitario in Sicilia si sta dimostrando all’altezza di una prova impegnativa. In Sicilia stiamo lavorando sulle terapie intensive e sull’aumento dei posti letto a pressione negativa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *