Furti d’auto, Catania terza in Italia

Il nuovo “Dossier sui Furti d’Auto”, elaborato da LoJack Italia, società del Gruppo CalAmp leader nelle soluzioni telematiche per l’Automotive e nel recupero dei veicoli rubati, ha raccolto e analizzato i dati forniti dal Ministero dell’Interno riguardanti 2019 e li ha integrati con quelli provenienti da elaborazioni e report nazionali e internazionali sul fenomeno.
Si legge, tra l’altro nella ricerca: “Nel 2019 i furti d’auto si sono concentrati prevalentemente in 5 Regioni, quelle tradizionalmente più ‘appealing’ per questo business. Il primato spetta alla Campania con 23.554 furti: 1 episodio su 4 a livello nazionale è avvenuto qui. A distanza, seguono Lazio (17.021), Puglia (16.389), Sicilia (13.178) e Lombardia (10.013). Complessivamente, in queste Regioni si registra l’84% delle complessive sottrazioni”.
Le province più colpite da questo fenomeno sono Napoli, con 17.767 furti, Roma (15.835) e, purtroppo, Catania (7.441). Completano questa poco invidiabile classifica: Bari (6.595), Milano (6.523), Torino (3.857), Foggia (3.437), Palermo (3.254), Caserta (2.961) e Barletta-Andria-Trani (2.560).
La marca d’auto più bersagliata dai ladri è la Fuat con il 46% dei furti (41% recuperi), seguono la Lancia con il 7% (42% recuperi) e la Reanult anch’essa con il 7% (26% recuperi).
I modelli più rubati sono la Fiat Panda (furti 15%, recuperi 55%), la Fiat 500 (10% e 51%), la Fiat Punto (9% e 21%), la Lancia Ypsilon (6% e 43%), la Renault Clio (3% e 33%), la Ford Fiesta (2% e 25%), la Fiat 500 X (2% e 39%), la Fiat 500 L (2% e 54%), la Smart FortTwo (2% e 31%), la Jeep Renegade (2% e 39%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *