Coronavirus, prorogate le misure restrittive fino al 3 maggio

“Le misure adottate stanno funzionando ma non possiamo vanificare i sacrifici fatti”, così il il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, annunciando la proroga delle misure restrittive fino al prossimo 3 maggio. “Se non facessimo così – aggiunge il Premier – si perderebbero tutti i risultati positivi fin qui ottenuti. Dobbiamo mantenere alta la tensione. Dobbiamo farlo per Pasqua, Pasquetta, 25 aprile, Primo Maggio. Dopo il 3 maggio potremmo essere più liberi seppur sempre con grande cautela. Non possiamo permetterci una ripresa del contagio”
L’obiettivo è anche allentare il prima possibile tutte le attività produttive ma ancora, a momento, Conte precisa che non ci sono le condizioni per partire a pieno regime. Possibilità però che, sentendo gli esperti, potrebbe avvenire prima degli inizi di maggio. Da giorno 14 aprile potranno aprire cartolibrerie, librerie, negozi per bambini; le aziende che forniscono legna combustibile e gran parte del settore forestale.
Conte ha anche annunciato un gruppo interdisciplinare di esperti che studierà le modalità della cosiddetta “fase 2” studiando allo stesso tempo anche nuovi modelli organizzativi più innovativi. Il gruppo che sarà presieduto da Vittorio Colao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *